Seguimi su

Il “Comitato Granda Giro d’Italia 2016” ha fatto centro

Si è riunita ieri giovedì 15 dicembre 2016 l’Assemblea del “Comitato Granda Giro d’Italia 2016” per il resoconto finale delle attività e l’approvazione del bilancio consuntivo.Sono ormai trascorsi alcuni mesi da quando la 99-esima edizione dell’evento ciclistico internazionale “Giro d’Italia” ha portato nei giorni dal 27 al 29 maggio u.s. la Provincia di Cuneo sotto i riflettori di tutta Italia e dei 184 Paesi di tutto il mondo che hanno trasmesso il Giro in televisione attraverso 29 network.
È stato ribadito da tutti i componenti dell’Assemblea del Comitato come quanto abbiamo vissuto in primavera sia stato un evento senza precedenti, che si è snodato tra sport, turismo, partecipazione popolare e spettacolo. La Provincia di Cuneo non solo ha avuto i “riflettori puntati”, ma le stesse sorti della gara, come auspicato, sono state decise proprio sui nostri territori, dove le tappe di alta montagna che hanno sconfinato in Francia scalando il colle dell’Agnello, il colle del Vars, il colle della Bonette e il colle della Lombarda hanno assegnato definitivamente la maglia rosa a Vincenzo Nibali e attirato una moltitudine di appassionati non solo italiani, anche in considerazione dello scenografico arrivo posto al Santuario di Sant’Anna di Vinadio in alta Valle Stura.
Tante sono state le iniziative organizzate dal Comitato nei mesi che hanno preceduto il Giro d’Italia e la grande kermesse costituita dalle tre tappe conclusive della competizione che hanno portato nel Cuneese la carovana rosa: dalla serata di gala di presentazione delle tappe Cuneesi, alla grande Lotteria “La Granda s’illumina di rosa”, che ha messo in palio ben duecento premi di notevole pregio, e poi ancora presentazione di libri, aperture di mostre dedicate al ciclismo, la serata sulla sicurezza stradale, la pedalata rosa per ragazzi e famiglie al Parco Fluviale Gesso-Stura, la cicloturistica Randonnée per amatori, il convegno sul tema dello sport, infine la tre giorni di gara e di Notti Rosa a Saluzzo, Vinadio e Cuneo.
Grazie ad un’attenta gestione e soprattutto al sostegno ed al contributo economico della Regione Piemonte, della Provincia di Cuneo, della Fondazione CRC, dell’ATL del Cuneese, della Camera di Commercio di Cuneo, dell’Unione delle Banche di Credito Cooperativo della Provincia di Cuneo, dell’Unione Montana Valle Stura e degli sponsor privati che hanno creduto nelle iniziative proposte Comitato (Armando Citroen, Merlo Group, Acqua Sant’Anna, Satispay, Mattio Cicli, Lab Travel), oltreché al buon esito della lotteria (sono stati venduti oltre 14.000 biglietti!) è stato possibile realizzare a “costo zero” i numerosi eventi, le attività e le manifestazioni che hanno animato l’attesa per il Giro tra febbraio e maggio 2016 ed è stato possibile coprire l’intero costo della tappa del Santuario di Sant’Anna di Vinadio e di buona parte di quella che vedeva la partenza da Piazza Galimberti a Cuneo.
Per tutto quanto sopra, Mauro Bernardi, presidente del Comitato, ha voluto esprimere un vivo ringraziamento a tutti i volontari, agli Enti ed alle Associazioni che hanno collaborato con entusiasmo e passione: i Comuni di Cuneo e Vinadio, la Regione Piemonte, la Provincia di Cuneo, la Confartigianato e la Confcommercio, la Coldiretti, il Centro Servizi per il Volontariato, l’ASD Fausto Coppi on the road ed ancora l’Unione Montana Valle Stura, il Parco Fluviale Gesso-Stura e gli sponsor che hanno contribuito alla lotteria.
A conclusione di questo magnifico percorso un riconoscimento particolare deve anche andare al Michelin Sport Club, alla ProLoco di Vinadio, alle Parrocchie della Diocesi di Cuneo, ai volontari della Protezione Civile, alla Polizia Stradale ed a tutte le Forze dell’ordine per la loro indispensabile partecipazione.
Anche se il percorso del 2017 non coinvolgerà direttamente la Provincia di Cuneo, l’evento milanese del 25 ottobre u.s. durante il quale RCS-Sport ha presentato le tappe della centesima edizione del Giro d’Italia ha rappresentato un’importante occasione per rinsaldare i rapporti con gli organizzatori dopo il magnifico epilogo sulle nostre montagne dell’edizione del 2016.
L’obiettivo, condiviso con il Direttore del Giro d’Italia Mauro Vegni, è quello di lavorare insieme da subito per definire una collaborazione di lungo periodo che possa anche contribuire a portare alla ribalta internazionale il nostro territorio, in grado di offrire uno spettacolo unico di paesaggio e di pubblico, come si è visto nel trascorso mese di maggio sul Colle dell’Agnello, sul Colle della Lombarda ed al Santuario di Sant’Anna di Vinadio.

Mauro Bernardi
Presidente del Comitato Granda
Giro d’Italia 2016

Posted by admin@lrcser.net / Posted on 16 dic